.
Annunci online

 
orione 
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  vanessa
mary
luca de mata
tekove katu
lana
moana
hillary
milena
pina
gfamily
zhang yu
ségolène
ichimame
filmé cosma
rigoberta
madonna
lulu
emma
anna
anekee
tamara
andrea
lisa
rita
tania
daniela
lady oscar
yulia
manuela
tasha
cecilia
brooke
monica
kirsten
annabel
sally
maria dolores
ayaan
sonia
michelle
benazir
tzipi
condoleeza
oprah
helen
begum
maria do carmo
luisa
gloria
tarja
mary
vaira
ellen
angela
commessafrustrata
micalita
sigourney
angelina
blogmog
dita
luisacarrada
veronica
nicolaza
  cerca


VOTO
Per il partito del diavolo. Quello dei mercanti, delle mignotte, dei preventivi.

Che ha inventato il marketing e gli hippie. Principio vitale e creatore, maschio, della contemporaneità. Ora, però, sta perdendo dei colpi. Martiri e beghini non fanno altro che strillare di valori e verità. Tutte balle per il vecchio tiranno, avvezzo alla ruvida legge del business e a quella melliflua del piacere. Parole incomprensibili, sparate in tutto il mondo dalla comunicazione.

Il re si era illuso. Per anni aveva dimenticato: non era solo al suo arrivo. La comunicazione era sempre stata lì. Creatrice, femmina, dell’umanità. Il vecchio aveva creduto di dominarla e in effetti per lungo tempo era andata così. Non aveva più memoria di essere anch'egli una sua creazione. Una funzione. Lei poi se ne stava in un angolo. Zitta e buona, casa e bottega. 

Non aveva fatto una piega neanche quando le aveva portato a casa la tecnologia. L'arrivo della nuova amichetta sembrava non turbarla. Anzi: assecondava di buona lena ogni morbosità del veccho pervertito. Poi ci ha preso gusto e ha cominciato a giocare per sé. La nuova non le dispiaceva affatto, era una complice ideale. Efficiente, assecondava ogni voglia con pruriginosa meticolosità. E aumentava sempre la posta.

Dominata e dominatrice, allora, si sono messe a giocare insieme. Proprio sotto gli occhi del re, che non vedeva e si compiaceva: la partita era sempre più eccitante. Ma gli sguardi tradivano e il vecchio era costretto a rincorrere. Sempre più spesso non capiva e passava in rassegna prima l'una poi l’altra, a ripetizione, per afferrare qualcosa. La bocca spalancata.

Loro lo tranquillizzavano, gli facevano le coccole e lo mettevano a dormire. Era stato un re glorioso e non si meritava uno scherno manifesto. Dentro di loro, però, sapevano già come sarebbe finita.


My blog is worth $3,387.24.
How much is your blog worth?

Profilo Facebook di Orione Lambri


 

Diario | WonderWomen | GothamCity | StileLiberty | DeadMen | YvyMaraei | TwinPeaks | WhiteRabbit | SpiderWeb |
 
Diario
1visite.

11 luglio 2007

BOLIVIA / RITORNO / VANESSA


Drinnn... drinnn... drinnn...

Allora c'aveva ragione Francesco. Sembrava sincero, domenica sera, quando si diceva stupito della nostra incazzatura. Noi avevamo provato a chiamarlo per dieci giorni, 3 volte al giorno, sms, messaggi in segreteria. Ciccia. E al telefono della Tekove Katu (Benessere Totale, in lingua Guaranì) non rispondeva nessuno. Mai. Doveva proprio aver ragione, dopo l'ultimo pollo fritto (per almeno 13 anni) e davanti alla penultima cerveza boliviana (la Huari mi ha dato delle soddisfazioni) mentre protestava la sua innocenza:
"sai... qui in Bolivia il sistema di comunicazione è... come dire... un po' anarchico"

Oggi pomeriggio (infatti)
il telefono di Vanessa squilla a vuoto. Lunedì sera (da San Paolo) il cellulare era staccato e il fisso della Tekove me l'aveva dato sbagliato (ci mancava il "3" del Departimiento di Santa Cruz), martedì mattina telefonino staccato e fisso che suonava senza risposta. A Gutierrez il cellulare non prende (lo so, me l'ha già detto Francesco) ma perché adesso squilla? A vuoto?

E ritorno
Da tre ore sto pancia all'aria a contemplare comodità e lussi d'Occidente: una vera doccia, Kate Bush, tempo da perdere. Prima sono passato al bar. E ho cominciato a rompere i maroni alla Gigliola sul prezzo della birra (la Bavaria, la stessa dell'areoporto di San Paolo)
"con i 3 euro e mezzo di questa birra marcia ci mangi, in Bolivia... costava di meno in Brasile"
Al suo terzo "ma tu non devi andare a controllare le piante... Vanessa s'incazza..." ho deciso di levare le tende.

Mercoledì
D'altronde non dovevo essere poi così gradevole.
Stanotte ho dormito sul "San Paolo - Milano" delle 15-40. Ci mette undici ore e mezzo, vale a dire che è come se arrivasse alle 2 e 40 di notte. Con le 5 ore di fuso, fanno le 7 e 10.
Di fianco a me c'era Marzia, una sosia bionda e brasiliana di Helena, che parlava solo portoghese e  raggiungeva il fidanzato per convolare. Ho tentato di spiegarle che in Italia c'è un sacco di gente che non si sposa per una sorta di resistenza laica (più o meno inconscia). date che mi guardava come un marziano ho ripiegato su un "es un gran dia!"
Lei ha sorriso un po' perplessa "mas o menos... muy frìo". Mi racconta che ha avuto una figlia da un altra persona, ma rimane in Brasile con la nonna. Nel nord della Spagna (o era in Portogallo?) dove andrà a vivere lei è troppo freddo anche per sua figlia.
Dopo un po' scopro che nel programma di videointrattenimento Alitalia c'è "300". Una svolta. Riesco a dormire e mi sveglio per la colazione.
Il volo per Bologna parte alle 10-40, faccio in tempo a salutare Jolando e ad offrirgli 2 euro per telefonare ai suoi due figli. Sta per volare a Barcellona da loro. Siamo insieme da lunedì: lui non sa una parola d'inglese (che già parlo male), io 4 di spagnolo. Ci capiamo a smorfie e grugniti.

Domenica
Vanessa ed io facciamo l'ultima passeggiata per La Paz. La città-mercato, dove sembra che tutti abbiano qualcosa da vendere e da masticare. Coca, arance, pollo fritto. Visitiamo il cimitero monumentale e mangiamo in uno splendido baracchino, sopra il Passe, dove una signora Aimarà ci serve bistecche, coca-cola, salsicce, riso e patate per 38 pesos boliviani. Di turisti neanche l'ombra, il cielo sempre più cupo.
Poi ci facciamo fregare dal taxista (50 bolivianos sono 5 euro, ma per 20 minuti di taxi a La Paz sono decisamente troppi), lasciamo un biglietto alla locandiera del "Fuente" e raggiungiamo l'aeroporto.
Il volo per Santa Cruz ha un po' di ritardo, così abbiamo il tempo di farci offrire la terzultima cerveza da Mauro, Cancelliere dell'Associaciòn Boliviana (legata all'Ordine di Malta). Lui non ha votato per Morales, ma dice di tifare perché "ce la faccia nella democrazia". Anche noi.
Ci regala l'ultimo libro che ha pubblicato, di poesie: "memorias del encanto". Package curato e stampa di pregio. "tutto fatto in Bolivia" rassicura.
Saliti sull'aereo guardiamo fuori: nevica di brutto.
Dopo cena e cervezas Vanessa ed io passiamo l'ultima notte abbracciati. Non ci vedremo per un mese.

Lunedì
Padre Tarcisio era stato categorico "due ore prima, in Bolivia". Alle 7-45 siamo in aeroporto e ci mettiamo in fila all'AeroSur. intanto l'aereo ha un delayed di 6 ore: parte alle 15-40. Al check-in la hostess fa l'indiana e non ci dice nulla: mi saltano tutte le coincidenze. La compagnia aerea boliviana, che ha tirato il secondo pacco (all'andata avevano perso il sacco a pelo), mi garantisce hotel, cena e trasporto a San Paolo. E un giorno di viaggio in più.
Abbiamo 6 ore "buche" così Francesco ci porta in una scuola fuori Santa Cruz. Oggi c'era una marcia per l'Autonomia Indigena, che è stata sospesa per il maltempo (e la poca gente) e andiamo a vedere che succede. Non avevamo previsto i giornalisti. Scattano foto quasi solo a me, Vanessa e Francesco. La periodista di un quotidiano di Santa Cruz (ostile a Morales) intervista Francesco e cerca di attaccar bottone con noi. Sguinzaglia i fotografi e controlla gli scatti. Abbiamo fatto male a scendere dalla jeep: attaccano Evo perché si circonda di stranieri, cercheranno di screditare gli indigeni facendo credere che si fanno manovrare dai gringos.
Ultima cerveza con Vanessa. Il mio aereo parte con un'ora e mezza di ritardo, sotto la pioggia battente di Santa Cruz. Sono a San Paolo alle 19.30 (c'è un'ora in meno che in Bolivia). L'aeroporto è un delirio (nella foto un giovane parecchio ispirato, all'andata), non so cosa aspettarmi. Invece arriva una brasiliana da promocard (nera, capelli ricci, tailleur rosso, tacchi a spillo e push-up estremista) che ci sequestra biglietti e passaporti, assicurandoci vitto, alloggio e voli nuovi.

Siamo una trentina, di tutte le specie antropologiche. C'è un cinese che sta sempre zitto con gli occhi sbarrati. Quando qualcuno gli si avvicina per tentare di comunicare si mette a fare buffe smorfie, inarcando le sopracciglia (sembra Enrico Maria). Alcuni boliviani di età indefinita confabulano rassegnati, mentre gli europei presenti danno segni di nervosismo. "CrazyMan" è tedesco e indossa una giacca di pelle marrone, corta come uno spencer. Si agita. Vuole i suoi bagagli e dormire dove gli pare. All'uscita finalmente sparisce.
Io familiarizzo con Gabriel, ventiquattrenne boliviano che viene a studiare "scienza dell'alimentazione" a Parma. Mi mostra la foto della sua ragazza, Pamela Lopez. In serata si uniscono a noi Matteo (boliviano) e l'ucraino Sergej, che ci segnala le quattro migliori vodke del mondo e dice di dispezzare la rivoluzione arancione. Evadiamo dall'hotel alla ricerca di un bar. Ci arrendiamo dopo un quarto d'ora, al passaggio della prima pattuglia della polizia, i nostri passaporti ce li hanno quelli dell'AeroSur. Vaglielo a spiegare...

Martedì
Sergej non vuole uscire dalla doccia, pare abbia fatto colazione all'alba. Quando arriva andiamo al parco pubblico, poi io e Jolando raggiungiamo l'aeroporto, dissequestriamo i passaporti, ritiriamo i biglietti e (ri)facciamo il check-in. Si (ri)parte.

Ora
Drinnn... drinnn... drinnn...

"Zuccooo! Come stai?! Sono a Camiri... prima non sentivo il cellulare..."

è Vanessa
Mi racconta che ha cominciato a lavorare. Ha realizzato il logo dell'Autonomia Indigena, quello che avevamo progettato l'ultima sera di Gutierrez (quasi venti giorni fa), che servirà per le mascherine con cui i Guaranì potranno compiere azioni di marketing virale su ogni muro del Departimiento. Due siti boliviani liberi (indymedia bolivia ed www.erbol.com.bo) sembrano intenzionati a dargli spazio. Vedremo.

Già, perché Vanessa è rimasta in trincea e per almeno un mese potrò raccontare quello che succede laggiù in Bolivia, nella provincia di Santa Cruz. Dove un popolo chiede terra e dignità. E i bambini ti spalancano i denti bianchi in faccia quando arrivi. Ridendo.




permalink | inviato da orione il 11/7/2007 alle 16:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
giugno        agosto