.
Annunci online

 
orione 
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  vanessa
mary
luca de mata
tekove katu
lana
moana
hillary
milena
pina
gfamily
zhang yu
ségolène
ichimame
filmé cosma
rigoberta
madonna
lulu
emma
anna
anekee
tamara
andrea
lisa
rita
tania
daniela
lady oscar
yulia
manuela
tasha
cecilia
brooke
monica
kirsten
annabel
sally
maria dolores
ayaan
sonia
michelle
benazir
tzipi
condoleeza
oprah
helen
begum
maria do carmo
luisa
gloria
tarja
mary
vaira
ellen
angela
commessafrustrata
micalita
sigourney
angelina
blogmog
dita
luisacarrada
veronica
nicolaza
  cerca


VOTO
Per il partito del diavolo. Quello dei mercanti, delle mignotte, dei preventivi.

Che ha inventato il marketing e gli hippie. Principio vitale e creatore, maschio, della contemporaneità. Ora, però, sta perdendo dei colpi. Martiri e beghini non fanno altro che strillare di valori e verità. Tutte balle per il vecchio tiranno, avvezzo alla ruvida legge del business e a quella melliflua del piacere. Parole incomprensibili, sparate in tutto il mondo dalla comunicazione.

Il re si era illuso. Per anni aveva dimenticato: non era solo al suo arrivo. La comunicazione era sempre stata lì. Creatrice, femmina, dell’umanità. Il vecchio aveva creduto di dominarla e in effetti per lungo tempo era andata così. Non aveva più memoria di essere anch'egli una sua creazione. Una funzione. Lei poi se ne stava in un angolo. Zitta e buona, casa e bottega. 

Non aveva fatto una piega neanche quando le aveva portato a casa la tecnologia. L'arrivo della nuova amichetta sembrava non turbarla. Anzi: assecondava di buona lena ogni morbosità del veccho pervertito. Poi ci ha preso gusto e ha cominciato a giocare per sé. La nuova non le dispiaceva affatto, era una complice ideale. Efficiente, assecondava ogni voglia con pruriginosa meticolosità. E aumentava sempre la posta.

Dominata e dominatrice, allora, si sono messe a giocare insieme. Proprio sotto gli occhi del re, che non vedeva e si compiaceva: la partita era sempre più eccitante. Ma gli sguardi tradivano e il vecchio era costretto a rincorrere. Sempre più spesso non capiva e passava in rassegna prima l'una poi l’altra, a ripetizione, per afferrare qualcosa. La bocca spalancata.

Loro lo tranquillizzavano, gli facevano le coccole e lo mettevano a dormire. Era stato un re glorioso e non si meritava uno scherno manifesto. Dentro di loro, però, sapevano già come sarebbe finita.


My blog is worth $3,387.24.
How much is your blog worth?

Profilo Facebook di Orione Lambri


 

Diario | WonderWomen | GothamCity | StileLiberty | DeadMen | YvyMaraei | TwinPeaks | WhiteRabbit | SpiderWeb |
 
Diario
1visite.

12 aprile 2010

PORNOCRACY


"Per concludere questa classifica però vorrei mostrarvi una vera chicca, un orrore in cui mi sono imbattuto proprio la scorsa sera nella mia città. È una panineria che ha scelto come proprio nome Pane e Facebook e propone un menù nel quale ogni panino ha il nome di un diverso sito, Social Network, motore di ricerca ecc. Ma la cosa che più mi crea raccapriccio è sapere che esiste un panino che si chiama YouPorn."

Con snobismo un po’ naif Daniele Mannina su ninjamarketing.it liquida come “horror” una celebrazione pop dello sfondamento culturale della Rete, immortalata dal suo telefonino a quattro passi da casa, e si raccapriccia misteriosamente per il panino chiamato YouPorn. I gestori della paninoteca “Pane e Facebook”, invece, hanno democraticamente riconosciuto che YouPorn, con i suoi oltre 2 milioni e mezzo di visitatori al giorno (per oltre 23 milioni di pagine viste, quarantasettesimo sito più visitato al mondo), è uno dei protagonisti della rivoluzione tecnologica in corso.


YouPorn, RedTube e Fuckbook sono solo alcuni dei principali porno social network, l’altra metà del cielo rispetto ai Twitter, YouTube e Facebook canonici, che conta milioni di utenti in tutto il mondo e un sacco di soldi tra banner pubblicitari, siti e servizi (chat, videochat, web-cam) a pagamento, indotto. Con un click chiunque può avere accesso a contenuti pornografici gratis di qualunque genere, aggiornati in tempo reale con nuovi video amatoriali e trailer più o meno ben camuffati di siti a pagamento, concorrenti, vecchi film. Per andare oltre bisogna pagare.

Pensando alla diffusione capillare (quasi in ogni paninoteca d’Italia c’è qualcuno che ammette di conoscerne l’esistenza) e alla semplicità di utilizzo di questo e degli altri porno social network, le periodiche moraline contro tette in prima serata, fasce protette violate, film e videogiochi depravanti suonano sempre un po’ stupefacenti. La contemporaneità è talmente impregnata dal sesso da averlo trasformato in un vero e proprio totem, cartina di tornasole del potere come il denaro, e quindi moneta di scambio per affari e politica. Bipartisan. Chiunque ha amici maschi può fare rapidamente i conti di quanti, almeno una volta, hanno invidiato le giovani e avvenenti compagnie femminili del premier.

Il porno, quindi? “Un'istituzione benemerita, diffido profondamente da tutti quelli e da tutte quelle che fanno la faccia sbigottita e dicono di non averli mai visti”. Diceva Capezzone (quattro anni e due partiti fa).


L'immagine l'ho presa qui.

L'articolo è stato pubblicato (con un altro titolo) su "The Front Page".

sfoglia
marzo        maggio